Archivi tag: ufficio

1 giugno 2019: Non si può abusare dell’abuso di ufficio

Voglio essere veramente breve. Ma solo dicendo che non si capisce come mai per la volta delle volte si ricapita punto e a capo con il classico cretino che si mette a girare il manico nella polenta perchè ha più fame di quanto è grande il suo piatto. E allora deve andare a mangiare dal pentolone e deve per forza mettere nei guai il capo politico di turno.
La si può smettere di fare i cretini con la propria carica di governo o di amministrazione?
Non si capisce che per l’ennesima volta si casca a scavare il fondo del barile e tra poco a forza di scavare ci troviamo al centro della terra?
Chiedo una cosa sola: facciamo in modo da mettere veramente alla pubblica gogna tutte queste persone perfino se sono nostre amiche. In primo luogo perché si scarica un peso morto. E poi si fa da esempio a tutti coloro che in un futuro si metteranno a fare quelli che come il cretino di turno mangia dal pentolone della polenta.

Non si può denunciare così facilmente solo perché si fa diversamente da ciò che si vuole

Il ministro Salvini ha tutto l’apprezzamento del mondo. Ma davvero tutto. Perchè pur non essendo quasi mai nel suo ufficio del ministero non si può dire che non sia un ministro che fa solo comizi elettorali. Cioè: li fa ma in parallelo, e credo nessuno possa negarlo, fa anche le sue visite istituzionali da bravo rapresentante del Governo presso i suoi sottoposti dele forze armate.
C’è una cosa che però fa veramente inorridire: che si metta a minacciare di fare delle denunce in giro perchè la sua volontà non viene rispettata. Cioè bloccare le navi di migranti che dovrebbero in linea di principio attraccare nei porti italiani ma lui, in base ad un volere di non accettazione dei migranti nel paese, le vorrebbe rispedire da altre parti. Pare sia indifferente dove possano andare a finire. Questa volontà di denunciare è proprio quello che si può dire la ciliegina sulla torta che dovrebbe far capire l’allargamento un po’ troppo eccessivo del volere di Salvini.
Con la volontà di non ripetere quello che fece Fassino dicendo a Grillo di fondare un partito che poi è diventato il Movimento 5 Stelle con tutte le vicissitudini che si conoscono, pregherei il ministro Salvini di rimandare, se ci riuscirà, le sue bizze da capo del governo a quando riuscirà a diventare il capo del governo. Adesso lui, è bene ricordarlo in generale, è si il vicepremier del governo Conte, ma soprattutto è un sottoposto del Governo Conte. Quindi faccia il bravo dipendente di governo e la smetta di sentirsi quello che è politicamente ma non definitivamente. E faccia attenzione a non farla fuori dal vaso, perchè è un attimo diventare da un ministro amato un ministro ridicolo.

La brutta scoperta…forse modificabile

Ci sono giorni in cui scopri cose che magari se qualcuno te le avesse spiegate potevi organizzarti: le tasse e tutto il correlato. Partiamo da un dato certo: le tasse sono importanti. Le tasse hanno una loro fondamentalità perché le tasse, per un certo verso, aiutano il mantenimento dello Stato e di tutti i suoi apparati. Quello che non va bene è che la burocrazia a cui fa capo il pagare le tasse è una cosa che richiede un mare di tempo e di attenzione.
Il punto da cui partire è la fiscalità, mi si permetta il gioco di parole, con cui devi essere preciso al centesimo nelle tue cifre.
Io non credo che un cittadino non voglia non pagare le tasse. Solo che ti trovi davanti da una parte gli evasori quali “buon” esempio, dall’altra trovi la gente che è scontenta della macchina dello Stato che sperpera i soldi delle tasse. Se un cittadino avesse la possibilità chiara e trasparente, senza giri per uffici a complicare le cose, di pagare le tasse non credo che le persone non le pagherebbero. Ma sto parlando dei piccoli cittadini, che sono la polpa viva del paese. I grandi evasori sono solo da condannare alla pubblica gogna o alla pubblica vergogna solo per pagare alla moglie la pelliccia di turno o al figlio lo champagnino nei locali con gli amici.

Blogosphera del 13 novembre 2015

Le interviste:
Intervista a Biagio Izzo
Il Blog di Matteo:
La dichiarazione del Venerdì
Il Giornale della Giornata:
Giornale del 13 novembre 2015
Le notizie:
Esperimento: lavorare senza mail
Le letture:
Libro misterioso 32
Zipaltone:
Pensiero numero cinquantanove
La raccolta dei racconti:
Pagina 11

Il settimanale:
Le storie:
Camminare

Meteo:
Previsioni del 14 novembre 2015