Una grandiosa Drusilla Foer a Sanremo

Ho “conosciuto” Drusilla quando venne al Teatro de La Versiliana diverse estati fa. Non avevo mai sentito parlare di lei. E grazie alle sue risposte ho potuto confezionare la mia intervista per il giornale.

Fino qui nulla di particolare. La cosa particolare, in questa edizione 2022 di Sanremo, è stata la sua verve. E soprattutto un particolare molto impercettibile, se mi è concesso dirlo, del suo personaggio: la timidezza. Quel senso di tremore per quello che si sta facendo. Lo stare su un palco o davanti ad una telecamera senza nascondere la propria paura o il proprio timore di sbagliare.

Non posso dire che Drusilla sia una drag queen. Credo sarebbe una offesa bella e buona. Credo piuttosto che lei, o lui secondo i punti di vista, sia una performer che riesce benissimo a portare avanti il suo personaggio. Ma al tempo stesso, quando si trova su un palco, fa trasparire la sua umana paura di sbagliare o di dire una cosa per un’altra.

Per il resto non posso dire altro che lei sia la incontrastata regina di questa edizione del Festival di Sanremo. Come un poco tutte lo sono, le co conduttrici di questa edizione. Ma lei, anche se è in tutto e per tutto un uomo, esprime femminilità in una forma a dirla tutta affascinante. Non teatrale, intendiamoci. Ma con quel pizzico di non so che che la rende un personaggio femminile in tutto e per tutto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...